Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Sagre ed Eventi

Agriturismo

Alberghi

Campeggi

Ristoranti

Night

Guide all'Impresa   

 

 

MOSTRA MOBILI - Milano

IL DRAGO, LA TIGRE E LA MORTE

SIMBOLI E MISTERI DELL'ARTE HIMALAYANA

 

DAL 4 MARZO AL 29 MAGGIO 2011

Inaugurazione 4 MARZO ore 18.00 - 22.30   ingresso libero

CENTRO TIAN QI   via Bastia, 5 (zona Ripamonti) Milano

centro.tianqi@gmail.com

La tigre, con il suo ruggito possente ed il suo sguardo magnetico, ha da sempre affascinato l'immaginario collettivo. In Oriente il suo elegante vello a bande gialle era considerato simbolo di forza e in antichità era sovente usato come ornamento da reggenti e sovrani, o indossato dai guerrieri in battaglia. Oggi quasi scomparsa, ma un tempo la tigre prosperava sugli altopiani del Tibet ed era temuta e rispettata dalla popolazione, che la riteneva un animale magico e dai grandi poteri curativi. Oltre ad essere elevata a simbolo di forza interiore e saggezza, essa è uno dei dodici segni del calendario tibetano.
Il drago è invece un animale mitologico le cui origini si perdono nella notte dei tempi.

 

Si sviluppa parallelamente all'interno delle cornici culturali di popolazioni molto lontane tra di loro e apparentemente scollegate, ma mentre in Occidente la sua figura era considerata temibile e malvagia, in Oriente era vista come una creatura benevola e portatrice di ricchezza e fortuna. Altresì la morte, temuta e rispettata da molte culture, ha assunto nel tempo una tale quantità di significati simbolici da risultare ormai ermetica ad una qualsiasi interpretazione analitica del simbolo in sé, non smettendo per di incutere timore. Mentre l' iconografia occidentale rappresenta la morte come un sinistro mietitore, per la cultura orientale, in particolare per quella buddista, essa costituisce un momento di passaggio, una fase transitoria verso una nuova vita.

 

Con la mostra Il Drago, la Tigre e la Morte - simboli e misteri dell'Arte Himalayana il Museo d'Arte orientale Obrietan intende aprire al visitatore uno spaccato sulla vita quotidiana dell' antica civiltà tibetana prendendo in esame in particolare lo stretto rapporto tra la spiritualità e la vita di tutti i giorni. Questo rapporto secolare ben si estrinseca sugli oggetti che i Tibetani usano nella loro quotidianità: mobili, elementi di arredo e utensili cerimoniali esprimono egregiamente la stretta relazione che lega la vita di quel popolo alla venerazione del Buddha. Relazione che si evidenzia in ogni gesto quotidiano, anche il più banale.
Tradizionalmente il Tibet viene visto come una terra remota e isolata dal resto del mondo. La letteratura e la cinematografia recenti ci hanno abituati a pensare a quel Paese come un luogo inaccessibile e severo, ma l' output artistico e culturale della tradizione tibetana ci racconta una storia completamente diversa. Il popolo tibetano si è costruito nei secoli una fortissima identità, che tuttavia si è lasciata permeare dalle influenze culturali delle aree limitrofe, in particolare dall'India, dalla Cina e dall' Asia centrale. A causa della loro natura semi-nomade, i popoli Himalayani hanno sempre avuto un rapporto particolare con i mobili. I periodici spostamenti costringevano ad una rigida selezione sulla quantità e qualità degli oggetti che ogni singola famiglia o tribù poteva portare con sé. Questo fece sì che i pochi arredi disponibili dovessero assolvere a molteplici usi: non solo funzionali ma anche rituali e spirituali. I Tibetani realizzavano i mobili per le loro tende o per i monasteri e li decoravano con simboli religiosi; per questo motivo il mobile tibetano è considerato anche oggetto di culto ed opera d'arte. Gli uomini che costruirono ed utilizzarono gli esemplari esposti in questa mostra erano persone colte e cosmopolite, e il loro gusto artistico era permeato dalla cultura del buddismo tantrico tibetano, ma anche dalle vicine tradizioni artistiche di India e Cina.


L'eco di questi contatti con le tradizioni artistiche dei paesi limitrofi è ben rappresentato dai tre simboli che rappresentano il comune denominatore di questa esposizione. Dall'antico tantrismo indiano attraverso l'Himalaya fino alla Cina i tre simboli si presentano ripetutamente nel corso dei millenni incutendo nel fedele buddista timore, rispetto e ammirazione. La mostra Il Drago, la Tigre e la Morte costituisce il quinto appuntamento di un ciclo di esposizioni intitolato Simboli e misteri dell' Arte Himalayana, ideato con l'intento di aprire uno spaccato sulla storia dell'arte antica e sulla cultura del Tibet. L'idea della mostra nasce in collaborazione con il Centro Tian Qi di Milano, dove sarà allestita l'esposizione.

 

Durante l'inaugurazione della mostra, che si terrà venerdì 4 marzo 2011 alle ore 18, alcuni monaci buddisti tibetani provenienti dal monastero Shartse Norling, in India, realizzeranno un Mandala Yamantaka. Il Mandala è un dipinto sacro costruito su una base piana con fini sabbie colorate. Le figure geometriche che lo costituiscono simboleggiano la creazione e l’evoluzione del cosmo, mentre l’atto della sua costruzione rappresenta il concetto buddista del non attaccamento alle cose materiali. Infatti subito dopo aver terminato il dipinto i monaci celebreranno il rito della “dispersione” durante il quale il Mandala sarà distrutto e le sabbie saranno donate ai visitatori presenti, come amuleto di protezione contro le negatività."

 

Il Centro TIAN QI, Scuola di Ricerca sulle energie sottili, guidato da Giuliana Viel, è uno spazio nuovo che si apre alla città, con l'obiettivo di creare a Milano un punto di interesse nella sfera della ricerca, della spiritualità e delle discipline orientali. Esperienze e ricerche che possono essere tracciate e attraversate per mezzo del corpo, della mente e delle emozioni. Un luogo inteso come spazio esterno al vivere e all'esistere, che permetta alla vita di compiersi in tutte le sue molteplici manifestazioni e possibilità.

 

CentroTian Qi  via Bastia, 5 (zona Ripamonti) Milano
Come raggiungerci: Metropolitana Duomo + tram 24   Circonvallazione 90-91
Orari: da lunedì a venerdì h. 15,30 - 19,00  sabato e domenica  h. 16,00-20,00
12 - 17 aprile h. 10,00 - 19,00                                                                                             chiuso 24-25 aprile - 1 maggio                                                                                        
Si riceve anche su appuntamento: centro.tianqi@gmail.com

 

AGRITURISMO: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

ALBERGHI: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

CAMPEGGI: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

CATERING: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

ENOTECHE: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

RISTORANTI: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle D'Aosta - Veneto

 

ITALIANODOC (© 2004-2011) - tutti i diritti riservati - contatti

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Telefono: 392 7633091   -   Partiva IVA: 01543360992