Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Sagre ed Eventi

Agriturismo

Alberghi

Campeggi

Ristoranti

Night

Guide all'Impresa   

 

 

FESTIVAL DELLE CIVILTA' DEL MEDITERRANEO - Roma

Festival delle Civiltà del Mediterraneo

Incontri di letteratura e musica all’insegna del dialogo interculturale

 

da lunedì 22 a sabato 27 novembre 2010

Biblioteche di Roma : Villa Mercede, BiblioCaffè Letterario, Guglielmo Marconi,

Teatro Biblioteca Quarticciolo, Vaccheria Nardi, Flaminia

 

L’ingresso alla manifestazione è gratuito fino ad esaurimento posti

 

   

 

Il Festival delle Civiltà del Mediterraneo, ideato e organizzato da Intesa & C.P. in collaborazione con Biblioteche di Roma e AIMI - Associazione Intellettuali Musulmani Italiani, è realizzato con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione di Roma Capitale e patrocinato dal Parlamento Europeo e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

 

Il progetto mette a confronto scrittori e musicisti, con i loro differenti mezzi espressivi e con la loro diversa e personale cifra creativa : la parola scritta si intreccia in un rapporto originale, sempre nuovo e diverso, con le armonie della musica. è nella natura stessa di questo progetto favorire l’incontro e l’intreccio di prospettive eterogenee, dando spazio a nuove aperture che suggeriscano una visione vasta e articolata delle numerose declinazioni della cultura e del linguaggio.

 

Scrittori provenienti dai Paesi del Mediterraneo, che hanno scelto Roma come loro città e che scrivono in lingua italiana, saranno coinvolti nella lettura di alcuni estratti delle loro opere, in dialogo con musicisti che eseguiranno brani in acustica, tratti dal loro repertorio.

 

Sei gli appuntamenti previsti, realizzati in sei Biblioteche di Roma, che hanno l’obiettivo primario di far riflettere sulla naturale vocazione del Mediterraneo come spazio comune di convivenza e condivisione di interessi culturali e allo stesso tempo di creare un terreno fertile di incontro e confronto tra i vari Paesi, culture e tradizioni che coabitano nel bacino del Mediterraneo.

 

Lunedì 22 novembre, alle ore 18.30 presso la Biblioteca Villa Mercede ( via Tiburtina 113 ) si incontreranno il musicista marocchino Abderrazzak Telmi, che proporrà brani di musica gnawa, e Ingy Mubiayi Kakese, scrittrice di origine zairese ed egiziana, che ha pubblicato i suoi racconti nelle raccolte Pecore Nere (2004, Laterza), Amori Bicolori (2008, Laterza) e Italiani per vocazione (2000, Cadmo).

 

Martedì 23 novembre, alle ore 18.30 presso il BiblioCaffè Letterario ( via Ostiense 95 ) il duo musicale del tunisino Ziad Trabelsi e dell’italiano Peppe D’Argenzio accompagnerà le letture di Khalid Chaouki scrittore e giornalista di nazionalità italiana e di origini marocchine, autore di Salaam, Italia! La voce di un giovane musulmano italiano (Aliberti editore 2005) e direttore del sito di riferimento dell'Islam giovanile in Italia www.minareti.it.

 

Mercoledì 24 novembre, alle ore 18.30 presso la Biblioteca Guglielmo Marconi ( via Gerolamo Cardano 135 ) la cantante italo-turca Yasemin Sannino, accompagnata  alla chitarra da Cristiano Califano, dialogherà con Ahmad Gianpiero Vincenzo, scrittore, giornalista e docente universitario, autore dei saggi Islam l'altra civiltà (Mondadori 2001), Islamica (Pellegrini editore 2008) e del romanzo Il libro disceso dal cielo (Salani 2005).

 

Giovedì 25 novembre, alle ore 18.30 presso il Teatro Biblioteca Quarticciolo ( via Castellaneta 10 ) sarà la volta dello scrittore tunisino Salah Methnani, giornalista di Rai News 24 e autore del romanzo autobiografico Immigrato (Theoria, 1990), che si incontrerà con la musica del siriano Saleh Tawil accompagnato dalle danze dell’artista napoletana Valentina Alqamara.

 

Venerdì 26 novembre, alle ore 18.30 presso la Vaccheria Nardi ( via Grotta di Gregna 27 ) il rapper italiano Jesto si incontrerà con Amara Lakhous, scrittore algerino e giornalista, autore del romanzo Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio (Edizioni E/O, 2006) e del recentissimo Divorzio all’Islamica a Viale Marconi (Feltrinelli, 2010).

       

Sabato 27 novembre, alle ore 10.30 presso la Biblioteca Flaminia ( via Cesare Fracassini 9 ) il Festival delle Civiltà del Mediterraneo si chiuderà con l’incontro tra il musicista marocchino Brahim Boukantar, accompagnato da Jamouni Abdourrazzak, e Omar Camiletti, esperto dell'Islam della Grande Moschea di Roma che leggerà brani tratti dalle opere di Jean-Claude Izzo, scrittore e sceneggiatore francese deceduto nel 2000, autore della Trilogia marsigliese. Partecipa Francesco Antonelli, Presidente Biblioteche di Roma.

 

Ad integrazione degli appuntamenti nelle 6 Biblioteche di Roma, si svolgerà un incontro presso il Teatro Biblioteca Quarticciolo ( via Castellaneta 10 ) il giorno martedì 23 novembre alle ore 10.30 in cui interverranno il Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea Lucio Battistotti, il Vice Direttore Emilio Dalmonte, la Direttrice dell’Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo in Italia Clara Albani, il Delegato alle Politiche Europee del Comune di Roma Federico Rocca, il Presidente delle Biblioteche di Roma Francesco Antonelli  ed il Presidente dell'AIMI Ahmad Gianpiero Vincenzo. Saranno presenti gli scrittori Ingi Mubiavyi Kakese e Khalid Chaouki .

 

Un fitto programma di appuntamenti, dunque, per sottolineare il ruolo dell’Italia come ponte tra le diverse culture e il ruolo di Roma per il suo antico legame con i popoli del Mediterraneo, ma soprattutto per non cadere nei luoghi comuni, per non banalizzare le differenze, ma per conoscere e conoscersi. Un’occasione in più per approfondire gli usi, i costumi e più in generale la cultura delle principali comunità presenti a Roma, una città che ha saputo contagiare popoli e terre, che ha saputo arricchirsi delle differenze per costruire un percorso di rispetto delle identità.

 

Un’occasione di dialogo tra generazioni, per coniugare radici e tradizioni con la capacità dei giovani di immaginare il futuro e di anticiparlo. Si tratta di una delle sfide culturali, politiche e sociali più complesse dei nostri tempi e che coinvolgono l’intera Unione Europea, la quale, fin dal Trattato di Barcellona del 1995,  ha iniziato a scommettere sul Mediterraneo come area non solo di sviluppo economico, ma anche di grandi opportunità strategiche e culturali.

 

 

Per informazioni : Intesa & Comunicazione Produzione S.r.l.

Tel. 06.6832740 int. 1 - Web www.intesacp.it

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992

 

Google