Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Mangiare e Bere

Ospitalità

Benessere e Salute

Sport e Divertimento

Rubriche

Turismo

Shopping

Eventi

MOSTRA: INVASIONI DI CAMPO - Amelia (TR)

Anno 2014

 

EVENTI

Antiquariato Collezionismo

Capodanno

Carnevale

Concerti

Congressi e Convegni

Cortei e Feste Medievali

Eventi Beneficenza

Eventi Enogastronomici

Eventi Sportivi

Festa della Donna

Feste della Birra

Feste e Manifestazioni

Feste religiose e patronali

Fiere

Halloween

Mercatini

Natale Presepi e Mercatini

Notti Bianche

Mostre

Pasqua

Raduni

Sagre

San Valentino

Sfilate Moda

Spettacoli Teatrali

 

EVENTI PER REGIONE

Sagre Abruzzo

Sagre Basilicata

Sagre Calabria

Sagre Campania

Sagre Emilia Romagna

Sagre Friuli Venezia Giulia

Sagre Lazio

Sagre Liguria

Sagre Lombardia

Sagre Marche

Sagre Molise

Sagre Piemonte

Sagre Puglia

Sagre Sardegna

Sagre Sicilia

Sagre Toscana

Sagre Trentino Alto Adige

Sagre Umbria

Sagre Valle d'Aosta

Sagre Veneto

 

EVENTI D'ITALIA 2014

Sagre Gennaio 2014

Sagre Febbraio 2014

Sagre Marzo 2014

Sagre Aprile 2014

Sagre Maggio 2014

Sagre Giugno 2014

Sagre Luglio 2014

Sagre Agosto 2014

Sagre Settembre 2014

Sagre Ottobre 2014

Sagre Novembre 2014

Sagre Dicembre 2014

 

Invasioni di campo

Museo Archeologico di Amelia

28 giugno – 13 luglio 2014

 

Si va dalla pittura astratta e informale fino ad una figurazione neo-impressionista. Il Museo Archeologico di Amelia ancora una volta apre i suoi spazi all’arte contemporanea. “Invasioni di campo. Un percorso tra archeologia e arte contemporanea” è il titolo della mostra, aperta dal 28 giugno al 13 luglio (dalle ore 10.30 alle ore 13.30 e dalle ore 16.00 alle 19.00, lunedì chiuso). Una quindicina di artisti di diverse generazioni e scelte espressive propongono una riflessione sulla ricerca artista italiana e le sue diverse sfaccettature. Il percorso espositivo si snoda in due sezioni e colloca le opere, tra i preziosi reperti del Museo, considerato sempre più come uno spazio permanentemente aperto a sollecitazioni esterne. Si inizia nella Sala di Piermatteo d’Amelia. A dialogare con questo grande pittore umbro del Rinascimento  le opere di Nuccia Amato Mocchi, una pittura segnica e altamente simbolica. La mostra prosegue al primo piano del Museo. Paolo Cannucciari si sofferma con un simbolismo evocativo e lirico su un mondo naturale e psichico; Stefano Sorrentino recupera, con una tratto elegante, antichi manoscritti; Angela Scappaticci rilegge e risemina i passi della pittura materica. Di lettura diversa le opere di Gelsomina Rasetta, lavorate con impasti di colori e sovrapposizioni di foglie dipinte in oro e i quadri di Franca Buscaglia, una colonna sonora di vibrazioni cromatiche. A coinvolgere ulteriormente i visitatori uno dei dipinti di Antonella Pernarella, “Arcobaleno”, dal segno nitido e dai colori accesi e le tele di Maria Ceccarelli, in arte Mac, focalizzate sulle potenzialità espressive del segno-colore.

 

Da controcanto i nudi femminili di Giovanna Gallo, replicati più volte con colori diversi, e i “Cieli” di Susy Senzacqua, una rielaborazione fotografica di forte impatto visivo. Si continua il percorso con i collages di Cristina Messora, modulati nel colore  e illuminati da giochi di luce e con l’installazione di Cecilia Bossi, che approfondisce il delicato rapporto tra arte classica a arte contemporanea. A rafforzare questo dialogo tra antico e moderno le sculture in ceramica raku di Maria Felice Petyx, modellate in pose diverse e raccolte nella loro intimità, le terracotte di Vincenza Costantini che sfuggono alla piattezza della rappresentazione realistica e i bassorilievi decorati di Anna Salvati,  tessuti con una straordinaria qualità pittorica. A segnare il percorso espositivo le sculture di Massimo Melloni: una forza arcaica piena di assonanze e dissonanze tra pittura e scultura.

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992