Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Mangiare e Bere

Ospitalità

Benessere e Salute

Sport e Divertimento

Rubriche

Turismo

Shopping

Eventi

TEATRO: DUE DOZZINE DI ROSE SCARLATTE - Bari

Anno 2014

 

EVENTI

Antiquariato Collezionismo

Capodanno

Carnevale

Concerti

Congressi e Convegni

Cortei e Feste Medievali

Eventi Beneficenza

Eventi Enogastronomici

Eventi Sportivi

Festa della Donna

Feste della Birra

Feste e Manifestazioni

Feste religiose e patronali

Fiere

Halloween

Mercatini

Natale Presepi e Mercatini

Notti Bianche

Mostre

Pasqua

Raduni

Sagre

San Valentino

Sfilate Moda

Spettacoli Teatrali

 

EVENTI PER REGIONE

Sagre Abruzzo

Sagre Basilicata

Sagre Calabria

Sagre Campania

Sagre Emilia Romagna

Sagre Friuli Venezia Giulia

Sagre Lazio

Sagre Liguria

Sagre Lombardia

Sagre Marche

Sagre Molise

Sagre Piemonte

Sagre Puglia

Sagre Sardegna

Sagre Sicilia

Sagre Toscana

Sagre Trentino Alto Adige

Sagre Umbria

Sagre Valle d'Aosta

Sagre Veneto

 

EVENTI D'ITALIA 2014

Sagre Gennaio 2014

Sagre Febbraio 2014

Sagre Marzo 2014

Sagre Aprile 2014

Sagre Maggio 2014

Sagre Giugno 2014

Sagre Luglio 2014

Sagre Agosto 2014

Sagre Settembre 2014

Sagre Ottobre 2014

Sagre Novembre 2014

Sagre Dicembre 2014

 

Due dozzine di rose scarlatte

Tra 1936 e il 1943, in Italia, si è sviluppato un sottogenere cinematografico, detto “cinema dei telefoni bianchi”, poiché nelle sequenze dei primi film prodotti in questo periodo, vi era la presenza di telefoni di colore bianco. Questo era un simbolo del benessere sociale, uno status symbol atto a marcare la differenza dai telefoni "popolari", maggiormente diffusi, che invece erano neri. In questi anni è stato molto attivo Aldo De Benedetti, commediografo e sceneggiatore italiano, di origine ebraica, che proprio nel ‘36 scrisse uno dei suoi più celebri lavori “Due dozzine di rose scarlatte”.

Proprio questa commedia, inserita nel cartellone come un fuori programma, sabato 27 e domenica 28 settembre, sabato 4 e domenica 5 ottobre, darà il via alla stagione teatrale dell’associazione culturale Piccolo Teatro di Bari, che ha riportato in vita la struttura di strada Borrelli fondata nel 1967 da Eugenio D’Attoma, sotto forma di sede associativa.

L’opera, ripresa già lo scorso anno dal regista Antonio Bellino che l’ha portata in scena su vari palcoscenici della Puglia, è stata ulteriormente rivista e corretta e propone notevoli differenze rispetto la versione precedente. Innanzitutto lo staff sarà composto da Luciano Maggi nel ruolo di Alberto il marito e Lorenzo d’Armento nel ruolo dell’avvocato Savelli e la “new entry” Veronica Ruggieri, nel ruolo di Marina e la regia sarà affidata a Gianfranco Nullo.

 

 

“Lo spettacolo a mio parere – ha affermato l’attrice – è molto bello, brillante e attuale, sebbene sia ambientato negli anni ’50. Sono grata ad Antonio Bellino e al regista per avermi dato la possibilità di recitare in questa commedia che si basa sul gioco di equivoci tra marito e moglie e che evidenzia da parte di entrambi, la voglia di evadere”.

Veronica, che ha iniziato la sua carriera a 19 anni, lavorando come modella per importanti brand della moda, è entrata nel mondo televisivo locale prima e nazionale poi a seguito della partecipazione al concorso Miss Italia, con la fascia di Miss Puglia. Dal 1994 ad oggi ha partecipato a “Piazza Duomo” in onda su Telenorba, è stata valletta in “Vota le voci”, con Gigi Sabani su Rai Uno, è stata la Dea della Fortuna nel programma “Zero a Zero” in onda su Rai Tre, sempre come soubrette è stata impegnata in “Scommettiamo Che” di Fabrizio Frizzi su Rai Uno, ha svolto il ruolo di indossatrice in “Ieri, Oggi e Domani” su Rete 4 con Iva Zanicchi, e tanto altro ancora, anche in film, videoclip e fiction.

“Sono molto contenta di far parte di questo spettacolo nel quale interpreto la moglie che inaspettatamente riceve delle rose e si ritrova ad affrontare uno pseudo tradimento, arrivato ma non voluto”.

La storia, che parla di uomini e donne con le loro debolezze, i loro vezzi, le loro idiosincrasie, rientra in uno spettacolo classico e universale della commedia, sospesa nel tempo e nello spazio, giocata da personaggi straordinariamente disegnati. In questo riadattamento di Antonio Bellino la scenografia e i costumi sono a cura di Rosa Lorusso.

 

Piccolo Teatro – Strada privata Borrelli, 54 – Bari

Infoline: 3426639005

Website: www.tempiteatrali.it

Inizio spettacolo: Sabato ore 21:00; Domenica ore 19:00

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992