Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Mangiare e Bere

Ospitalità

Benessere e Salute

Sport e Divertimento

Rubriche

Turismo

Shopping

Eventi

MOSTRA BERTACCHINI - Dozza (BO)

Anno 2014

 

EVENTI

Antiquariato Collezionismo

Capodanno

Carnevale

Concerti

Congressi e Convegni

Cortei e Feste Medievali

Eventi Beneficenza

Eventi Enogastronomici

Eventi Sportivi

Festa della Donna

Feste della Birra

Feste e Manifestazioni

Feste religiose e patronali

Fiere

Halloween

Mercatini

Natale Presepi e Mercatini

Notti Bianche

Mostre

Pasqua

Raduni

Sagre

San Valentino

Sfilate Moda

Spettacoli Teatrali

 

EVENTI PER REGIONE

Sagre Abruzzo

Sagre Basilicata

Sagre Calabria

Sagre Campania

Sagre Emilia Romagna

Sagre Friuli Venezia Giulia

Sagre Lazio

Sagre Liguria

Sagre Lombardia

Sagre Marche

Sagre Molise

Sagre Piemonte

Sagre Puglia

Sagre Sardegna

Sagre Sicilia

Sagre Toscana

Sagre Trentino Alto Adige

Sagre Umbria

Sagre Valle d'Aosta

Sagre Veneto

 

EVENTI D'ITALIA 2014

Sagre Gennaio 2014

Sagre Febbraio 2014

Sagre Marzo 2014

Sagre Aprile 2014

Sagre Maggio 2014

Sagre Giugno 2014

Sagre Luglio 2014

Sagre Agosto 2014

Sagre Settembre 2014

Sagre Ottobre 2014

Sagre Novembre 2014

Sagre Dicembre 2014

 

Bertacchini – i sogni en plein air dell’ultimo periodo

Grande mostra personale a Dozza (BO)

 

Si inaugurerà sabato 11 ottobre 2014 alle 16.00, presso la Rocca sforzesca di Dozza (BO), la mostra personale dedicata a Luciano Bertacchini.

A 100 anni dalla nascita è questo un modo per fare rivivere il cammino pittorico del maestro mai dimenticato.

In mostra saranno presenti gli olii dell’ultimo periodo. Quasi 40 dipinti tra paesaggi e marine, alcuni dei quali inediti e gentilmente prestati da collezionisti privati.

“La scelta di Dozza non è casuale” – spiegano gli organizzatori -  “Negli ultimi anni di vita il pittore bolognese amava recarsi proprio tra le colline che si affacciano su Monte del Rè per dipingere i vigneti e i casolari che le caratterizzano. È una mostra d’arte che, in un certo qual modo, rappresenta anche il territorio e lo fa rivivere attraverso le emozioni rimaste impresse nelle tele, rivelate nelle diverse stagioni e nei loro molteplici colori”.

La mostra, voluta dalla Fondazione Luciano Bertacchini, resterà visitabile sino al 30 novembre 2014.

 

 

Note biografiche

 

Luciano Bertacchini nasce a Bologna il 10 settembre 1913. Studia all’Accademia di Belle Arti della sua città e vi si diploma. Ha per insegnanti Virgilio Guidi e Giorgio Morandi.

Pittore e critico d’arte ha collaborato a quotidiani, riviste e, costantemente, alla RAI-TV.

Ha partecipato a mostre di rilievo in Italia e all’estero.

Si spegne, all’età di 97 anni, a Bologna, all’alba di domenica 3 ottobre 2010.

Sue opere si trovano in importanti Gallerie d’Arte e Raccolte private.

 

Note critiche

 

Enrico Crispolti, 1993

“Il naturalismo lirico sviluppato negli anni in modi d’accento personale nel lavoro di Luciano Bertacchini mi sembra rispondere sinceramente ad un livello di vagheggiamento di memoria, interiormente idealizzato, di luoghi padanici, che risulta tipico di una determinata cultura d’immagine come controparte, di ininterrotta e rassicurante tradizione post novecentesca, rispetto al radicalismo esistenziale informale della “Padania” di cui parlava Arcangeli”.

 

Franco Basile, 1994

“Nella poetica di Luciano Bertacchini il filo dei colori si avvolge attorno alla sfera del reale come una vibratile entità, qualcosa che scende sul visibile quasi a volere indicare la malia del nulla o la potenzialità seduttrice di un riverbero di memoria che smuove nostalgie lontane. (.)”

Eugenio Riccomini, 2000

(..) Luciano Bertacchini è fedele ad uno stile privo di clamore, e quasi silenzioso. Anziché sgolarsi, la sua pittura pare un soffio: come gli scriveva, anni fa, il suo amico Minguzzi, la cui indole sanguigna non gli impediva di intenerirsi per il delicato candore d’un’indole opposta alla propria, di cui riconosceva la purezza del canto.

La purezza, s’intende, è quella d’una pittura sgravata da ogni turgore della materia, e distesa sulla tela quasi con la levità d’un acquerello. E si pensa, infatti, ad una innamorata assiduità con le cose più estreme, negli anni, di quel vecchio che s’aggirava tra i pendii attorno ad Aix-en-Provence, ritornando sempre sugli stessi motivi, e ogni volta provandosi a mantenere la saldezza dei volumi rendendoli però più leggeri e trasparenti; cogliendo, delle rocce e degli alberi, non la consistenza ed il peso materico, ma la luce che ne definisce l’apparenza. Colli e marine, quindi: ma con l’orizzonte alto, perché l’occhio possa a suo piacimento cogliere ogni vibrare delle fronde, delle forre, o delle vele, degli alberi delle paranze (.).

 

Rocca Sforzesca

Dozza Città d’arte

Info: tel. 0542-678240

rocca@comune.dozza.bo.it

 

Organizzazione

Fondazione Luciano Bertacchini

 

col patrocinio di:

Comune di Bologna, quartiere Santo Stefano

Associazione per le Arti Francesco Francia

Fondazione Dozza città d’Arte

Comune di Dozza

 

Con la collaborazione di

AmBios – per una comunicazione dell’ambiente,

Galleria Atrebates,

Associazione Arteinessere.

 

Orari di apertura 11 ottobre /30 novrmbre 2014

Sino al 25 ottobre

Da martedì a sabato: 10.00/12.30 - 15.00/18.30

Domenica e festivi: 10.00/13.00 - 15.00-19.30

Dal 26 ottobre al 30 novembre

Da martedì a sabato: 10.00/12.30 - 14.30/17.00

Domenica e festivi: 10.00/13.00 - 14.30-18.00

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992