Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Mangiare e Bere

Ospitalità

Benessere e Salute

Sport e Divertimento

Rubriche

Turismo

Shopping

Eventi

FESTA FUOCO MAGICO - Emilia Romagna

Anno 2014

 

EVENTI

Antiquariato Collezionismo

Capodanno

Carnevale

Concerti

Congressi e Convegni

Cortei e Feste Medievali

Eventi Beneficenza

Eventi Enogastronomici

Eventi Sportivi

Festa della Donna

Feste della Birra

Feste e Manifestazioni

Feste religiose e patronali

Fiere

Halloween

Mercatini

Natale Presepi e Mercatini

Notti Bianche

Mostre

Pasqua

Raduni

Sagre

San Valentino

Sfilate Moda

Spettacoli Teatrali

 

EVENTI PER REGIONE

Sagre Abruzzo

Sagre Basilicata

Sagre Calabria

Sagre Campania

Sagre Emilia Romagna

Sagre Friuli Venezia Giulia

Sagre Lazio

Sagre Liguria

Sagre Lombardia

Sagre Marche

Sagre Molise

Sagre Piemonte

Sagre Puglia

Sagre Sardegna

Sagre Sicilia

Sagre Toscana

Sagre Trentino Alto Adige

Sagre Umbria

Sagre Valle d'Aosta

Sagre Veneto

 

EVENTI D'ITALIA 2014

Sagre Gennaio 2014

Sagre Febbraio 2014

Sagre Marzo 2014

Sagre Aprile 2014

Sagre Maggio 2014

Sagre Giugno 2014

Sagre Luglio 2014

Sagre Agosto 2014

Sagre Settembre 2014

Sagre Ottobre 2014

Sagre Novembre 2014

Sagre Dicembre 2014

 

Le feste del fuoco magico è in Romagna

Appena cala l’ombra della sera, dal 26 febbraio al 3 marzo, nelle aie delle case di campagna in vari comuni delle provincie di Ravenna, Forlì,  Ferrara e Bologna

La Romagna è una terra storicamente votata all’agricoltura. E l’agricoltura, come molte altre attività “all’aperto” era, ed è tutt’ora, soggetta alle avversità metereologiche. Così la tradizione contadina del passato voleva che per scongiurare la malasorte venissero fatti dei riti propiziatori, come i fuochi magici: i “Lòm a Merz (i lumi di marzo). L’accensione di falò propiziatori intendeva celebrare l’arrivo della primavera e invocare un’annata favorevole per il raccolto nei campi, ricacciando il freddo e il rigore dell’inverno. Il suo significato era quello d’incoraggiare e salutare l’arrivo della bella stagione, bruciando i rami secchi e i resti delle potature. Per questa occasione ci si radunava nelle aie, si intonavano canti e si danzava intorno ai fuochi (al fugarèn), mangiando, bevendo e soprattutto divertendosi.

La tradizione di fare “lòm a merz” si è protratta  in Romagna fino agli anni ‘30, perdendo poi definitivamente il suo carattere di festa dopo la guerra, finché da qualche anno a questa parte l’Associazione “Il Lavoro dei Contadini” ha riportato alla luce questo rito e anche in questo 2014 lo riproporrà dal 26 febbraio al 3 marzo in diversi comuni delle province di Ravenna, Forlì-Cesena, Ferrara e Bologna.

 

 

Mai come oggi – e ancora di più in questo 2014 dichiarato dalla Fao “Anno mondiale dell'agricoltura familiare” - vi è la necessità per “costruire” il futuro di sapere e di cogliere la profondità del nostro passato. I “Lòm a Merz” vogliono essere un invito per mettersi in viaggio in queste terre, nelle quali si trova ancora un amore per il cibo succulento e copioso, dove viene a galla l’intima civiltà della campagna e l’appartenenza al mondo di piante, animali, insetti, uomini, riti, usanze, tradizioni.

Nelle aie e nelle case di campagna verranno accesi dei grandi falò attorno ai quali si svolgeranno iniziative e incontri sulla tradizione e la cultura contadina romagnola, fra balli, spettacoli, mostre mentre sarà possibile degustare vini e cibi tipici dell’ enogastronomia locale.

Il primo appuntamento, mercoledì 26 febbraio, andrà in scena a Imola (BO) nel prestigioso Palazzo Tozzoni. Alle 17 inaugurazione della mostra “Devozione popolare: i Santi protettori” con opere di artisti vari realizzate con differenti tecniche. A seguire si svolgerà un seminario dal titolo “Il linguaggio della cultura nel turismo”, con testimonianza video di Tonino Guerra e la partecipazione del giornalista Salvatore Giannella e del professor Luigi Mattei Gentili. Infine buffet con prodotti della tradizione contadina.

L’ultimo appuntamento, invece, sarà lunedì 3 marzo ore 16 a Brisighella (RA), dove verrà proiettato il documentario “La memoria dei Gessi”, vincitore del 42° premio Guidarello nella sezione audiovisivi. Saranno presenti il regista Thomas Cicognani, il prof Stefano Piastra dell’Università di Bologna, Massimiliano Costa, direttore dell’Ente gestione parchi e biodiversità Romagna. Le serata proseguirà con una cena contadina a cura delle azdore dell’associazione Il Lavoro dei Contadini e con la conversazione di Vanda Budini sulla “Devozione popolare: i santi protettori”. Saranno inoltre esposte immagini di santi protettori realizzate su tela stampata da Egidio Miserocchi.

In mezzo a questi due appuntamenti, decine d’iniziative animate da scrittori, cuochi, sommelier, maestri artigiani, cantastorie, antropologi, artisti.

Programma completo su https://www.illavorodeicontadini.org/

Per informazioni:  illavorodeicontadini@libero.it  tel. 331 4428484

Ufficio stampa Società di Area “TERRE di FAENZA”

Coop Aleph rif. Pierluigi Papi tel. 338 3648766 ppapi@racine.ra.it fax aut. 02700414712

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992