Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Mangiare e Bere

Ospitalità

Benessere e Salute

Sport e Divertimento

Rubriche

Turismo

Shopping

Eventi

MOSTRA: GIULIANO BARBANTI - Milano

Anno 2014

 

EVENTI

Antiquariato Collezionismo

Capodanno

Carnevale

Concerti

Congressi e Convegni

Cortei e Feste Medievali

Eventi Beneficenza

Eventi Enogastronomici

Eventi Sportivi

Festa della Donna

Feste della Birra

Feste e Manifestazioni

Feste religiose e patronali

Fiere

Halloween

Mercatini

Natale Presepi e Mercatini

Notti Bianche

Mostre

Pasqua

Raduni

Sagre

San Valentino

Sfilate Moda

Spettacoli Teatrali

 

EVENTI PER REGIONE

Sagre Abruzzo

Sagre Basilicata

Sagre Calabria

Sagre Campania

Sagre Emilia Romagna

Sagre Friuli Venezia Giulia

Sagre Lazio

Sagre Liguria

Sagre Lombardia

Sagre Marche

Sagre Molise

Sagre Piemonte

Sagre Puglia

Sagre Sardegna

Sagre Sicilia

Sagre Toscana

Sagre Trentino Alto Adige

Sagre Umbria

Sagre Valle d'Aosta

Sagre Veneto

 

EVENTI D'ITALIA 2014

Sagre Gennaio 2014

Sagre Febbraio 2014

Sagre Marzo 2014

Sagre Aprile 2014

Sagre Maggio 2014

Sagre Giugno 2014

Sagre Luglio 2014

Sagre Agosto 2014

Sagre Settembre 2014

Sagre Ottobre 2014

Sagre Novembre 2014

Sagre Dicembre 2014

 

Giuliano Barbanti

Asimmetriche armonie

  

23 maggio – 11 luglio 2014

 

Inaugurazione giovedì 22 maggio - ore 18.00

 

Inaugura giovedì 22 maggio la mostra Asimmetriche armonie di Giuliano Barbanti, maestro dell’astrattismo che, dal finire degli anni Sessanta, si è dedicato ad una ricerca più progettuale e, lavorando sul segno e sull'intensità dei timbri cromatici, ha dato avvio ad uno studio sul colore che nelle sue estensioni astratto-geometriche ha acquistato dimensioni esistenziali.

 

La rassegna si può considerare a pieno titolo un’antologica poiché vuole essere un’indagine sulla produzione dell’artista sestese dagli anni Settanta agli anni Duemila ripercorrendo il lavoro di circa quarant’anni. La prima personale di Giuliano Barbanti da Lorenzelli Arte (allora era ancora Galleria Lorenzelli) risale infatti al 1975 e fu la prima di una serie di presenze in galleria dell’artista, con personali e collettive, che segnarono una duratura e proficua collaborazione

 

 

La principale costante del mio lavoro -afferma Barbanti in un’intervista dello scorso anno- penso che sia proprio l’amore per la pittura nella piena libertà di sperimentare tutto ciò che la mia sensibilità e le mie intuizioni ritengono necessarie per un possibile rinnovamento, nella salvaguardia della mia autenticità espressiva.

 

Sono esposti i suoi lavori più rappresentativi, partendo dalle opere realizzate con l’aerografo, strumento che usa a partire dalla fine degli anni Sessanta, fino alle ultime costruzioni colorate e complesse, apice del colore e della strutturazione.

 

Le opere di Barbanti possiedono oltre alla precisione compositiva una componente di enigmaticità dovuto alla relazione inquieta tra la costruzione geometrica e l’espansività percettiva della sfumatura. “Questo aspetto -racconta l’artista- mi è diventato ancora più chiaro quando all’interno di quelle superfici ho cominciato ad inserire alcuni elementi squilibranti che si sono subito rivelati dialetticamente “asimmetrici”: le dentellature che accentuavano gli stacchi, l’obliquità delle scansioni, il taglio di intensità delle campiture. In certo modo il precedente rigore riduttivo mi ha aiutato a muovermi con più sicurezza in questa nuova fase di ricerca, proprio perché, al di là del fatto percettivo, riuscivo ad individuare significazioni più pregnanti.

L’innesto del colore avviene verso la metà degli anni Settanta. “Il ruolo che esso giocava in quel periodo -continua Barbanti- era unicamente trasgressivo. Per me il colore è ancora in questi quadri una “aberrazione” rispetto all’idea di totalità dello spazio teso alla interiorizzazione di una esperienza soggettiva del reale, che, nell’assenza di una visibile traccia materia, tende a una  “obiettivazione spersonalizzata” di questa esperienza”.

 

In occasione della mostra verrà pubblicato il catalogo con testi di Ivan Quaroni e Elena Forin con un apparato bibliografico completo e la pubblicazione di un centinaio di opere a colori.

 

Si ricorda che nella mostra “Nati negli anni ‘30”, in corso a Palazzo della Permanente a Milano (mostra a corollario di quella dedicata a Manzoni a Palazzo Reale) è esposta un’opera di Giuliano Barbanti del 1974.

 

INFORMAZIONI STAMPA

Emanuela Filippi  Eventi e Comunicazione

+39.02 4547.9017 | +39.392.4150.276| eventiecomunicazione@gmail.com

 

SCHEDA TECNICA MOSTRA

 

 

Artista                                   Giuliano Barbanti

 

 

Titolo mostra                         Asimmetriche armonie

 

 

A cura di                                Matteo Lorenzelli

 

 

Sede                                      Lorenzelli Arte

                                             Milano, corso Buenos Aires, 2

 

 

Periodo                                  dal 23 maggio all’11 luglio 2014

 

 

Inaugurazione                        giovedì 22 maggio 2014, ore 18.00

 

 

Orari                                      martedì - sabato, ore 10.00/13.00 - 15.00/19.00.

                                             lunedì su appuntamento. Festivi chiuso

 

 

Ingresso                                libero

 

 

Catalogo                                Lorenzelli Arte n. 143

 

 

Come raggiungerci                 Metropolitana 1 (rossa), fermata Porta Venezia

                                             Tram: 9, 29, 30, fermata p.zza Oberdan

                                             Passante ferroviario: Porta Venezia

 

 

Informazioni                          +39.02.201.914

                                             Elena Morollo info@lorenzelliarte.com

                                             www.lorenzelliarte.com  

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992