Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Mangiare e Bere

Ospitalità

Benessere e Salute

Sport e Divertimento

Rubriche

Turismo

Shopping

Eventi

MOSTRA FLUID TALES - Polignano a Mare (BA)

Anno 2014

 

EVENTI

Antiquariato Collezionismo

Capodanno

Carnevale

Concerti

Congressi e Convegni

Cortei e Feste Medievali

Eventi Beneficenza

Eventi Enogastronomici

Eventi Sportivi

Festa della Donna

Feste della Birra

Feste e Manifestazioni

Feste religiose e patronali

Fiere

Halloween

Mercatini

Natale Presepi e Mercatini

Notti Bianche

Mostre

Pasqua

Raduni

Sagre

San Valentino

Sfilate Moda

Spettacoli Teatrali

 

EVENTI PER REGIONE

Sagre Abruzzo

Sagre Basilicata

Sagre Calabria

Sagre Campania

Sagre Emilia Romagna

Sagre Friuli Venezia Giulia

Sagre Lazio

Sagre Liguria

Sagre Lombardia

Sagre Marche

Sagre Molise

Sagre Piemonte

Sagre Puglia

Sagre Sardegna

Sagre Sicilia

Sagre Toscana

Sagre Trentino Alto Adige

Sagre Umbria

Sagre Valle d'Aosta

Sagre Veneto

 

EVENTI D'ITALIA 2014

Sagre Gennaio 2014

Sagre Febbraio 2014

Sagre Marzo 2014

Sagre Aprile 2014

Sagre Maggio 2014

Sagre Giugno 2014

Sagre Luglio 2014

Sagre Agosto 2014

Sagre Settembre 2014

Sagre Ottobre 2014

Sagre Novembre 2014

Sagre Dicembre 2014

 

FONDAZIONE MUSEO PINO PASCALI

 

Fluid Tales

Mostra personale di Virginia Ryan

a cura di

Rosalba Branà e Lia De Venere

 

Inaugurazione 12 aprile 2014 ore 19,00

   

Sabato 12 aprile alle ore 19 sarà inaugurata – alla presenza dell’artista – la mostra personale di Virginia Ryan, intitolata Fluid Tales, curata da Rosalba Branà e Lia De Venere.

L’artista, australiana di nascita, ha vissuto a lungo in altri continenti e da diversi anni lavora in Africa. In particolare, durante la permanenza in Ghana e Costa d’Avorio, ha realizzato delle installazioni attraverso le quali la cultura e la spiritualità delle popolazioni indigene vengono rilette con modalità rispettose della loro sensibilità  e al tempo stesso innervate da tensioni legate al vivere contemporaneo.

 

 

A monte delle grandi installazioni in mostra alla Fondazione Museo Pino Pascali, stanno  l’interesse nei confronti della persistenza del mito delle sirene presso alcune comunità africane  e l’intento di preservare – attraverso le immagini  degli individui – la memoria collettiva di un tessuto sociale in rapida trasformazione. 

Con l’installazione Surfacing, Virginia Ryan evoca le figure mitiche delle Mami Wata (dall’inglese Mammy Water), metafore dei pericoli della navigazione, ma anche simboli dell’archetipo del femminile e simili per molti aspetti alle sirene, creature ibride che si incontrano spesso nelle mitologie occidentali, capaci di ammaliare con il loro canto melodioso e di portare alla perdizione gli umani.  Accanto alle grandi code di lunghi capelli neri, come emerse dagli abissi marini e fluttuanti nell’aria, con cui Ryan raffigura le divinità africane, saranno esposti alcuni disegni raffiguranti delle sirene che Frédéric Bruly Brouabré, il più importante artista ivoriano, recentemente scomparso, ha voluto realizzare per Virginia nel 2010.

Duemila fotografie, recuperate dall’artista negli studi fotografici di Gran Bassam, la vecchia capitale coloniale della Costa d’Avorio, oggi patrimonio dell’UNESCO, e salvate dalla distruzione o comunque dall’oblio, sono riunite nell’installazione I love you, che costituisce una efficace testimonianza del vissuto di individui degli ultimi vent’anni –  immagini di nascite, matrimoni, rituali religiosi, feste di famiglia, momenti di svago – e insieme un invito alla riflessione su ciò che accomuna le vite di persone appartenenti a culture diverse.

La mostra, che è patrocinata dall’Ambasciata della Costa d’Avorio in Italia e dalla città di Gran Bassam, rimarrà aperta dal 12 aprile all’8 giugno 2014.

Orario: dal martedì alla domenica ore 11-13, 17-21; lunedì chiuso.   

Biografia
Il lavoro di ricerca di Virginia Ryan è incentrato sui temi delle migrazioni, della memoria, della perdita e della trasformazione. L’artista, che predilige i materiali locali e interagisce spesso con le associazioni e le comunità artistiche appartenenti ai luoghi in cui opera, attraverso il ricorso a un linguaggio visivo di evidente matrice occidentale e l’impiego di oggetti di uso comune mira a porre in luce la realtà e il dinamismo dell’Africa occidentale di oggi. 

Virginia Ryan, artista, scrittrice e arteterapeuta, è nata in Australia ed è cittadina italiana dal 1981. Si è laureata alla National School of the Arts di Canberra (1979) e specializzata in Arteterapia all’Università di Edimburgo (1995). Ha vissuto e lavorato anche in Egitto, Brasile, Scozia e nell’Ex-Yugoslavia. Dal 1995 è residente in Italia, con studio a Trevi in provincia di Perugia. Dal 2000 lavora anche ad Accra (Ghana). E’ fondatrice della Foundation Of Contemporary Art (www.fcaghana.org)  ed è stata professore associato della New York University (2004/07). Dal 2009 vive e lavora anche in Costa D'Avorio, con studio ad Abidjan e dal 2013 nella città di Gand Bassam, la vecchia capitale coloniale, ora Patrimonio dell'Umanità UNESCO. E’ rappresentata dalla Galerie Cécile Fakhoury in Costa D'Avorio.
www.virginiaryan.com

 

FONDAZIONE MUSEO PINO PASCALI
VIA PARCO DEL LAURO 119
70044 POLIGNANO A MARE (BA)
Uscita SS16 – Polignano Sud
PH/fax: +39 080 4249534
             +39 3332091920   
www.museopinopascali.it
segreteria@museopinopascali.it


La Fondazione Museo Pino Pascali è Punto FAI, Delegazione di Bari.
 

 

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992