Italianodoc: Il piacere di mangiare in Italia

Segnala Gratuitamente Sagre Eventi Manifestazioni: staff@italianodoc.com

Sagre ed Eventi: Tutte le Vostre Segnalazioni

HOMEPAGE

Sagre ed Eventi

Agriturismo

Alberghi

Campeggi

Ristoranti

Night

Guide all'Impresa   

 

 

MOSTRA FOTOGRAFICA CULTURA BERGAMASCA - Rovetta (BG)

MOSTRA FOTOGRAFICA "Immagini macabre nella cultura bergamasca tra xv - xx secolo"
30 ottobre - 11 dicembre 2011
Centro Museale Parrocchiale di Rovetta (Bergamo)


entrata da via San Narno della Valle
orari: sabato 10 -12 domenica 15 - 18 (in settimana su richiesta)
info: Pro Loco 0346.72220
 

La mostra sulle immagini macabre nella cultura bergamasca prende il titolo di un celebre testo pubblicato nel  1998  dagli autori Antonio Previtali e Scandella Mino. Ispiratore della mostra è certamente il celebre affresco della Danza Macabra e del Trionfo della morte che campeggia sull'edificio un tempo sede della confraternita dei disciplini di Clusone, proprio di fronte alla basilica.

 

L'opera è del 1485 come testimonia la data segnata sul cartiglio esterno a sinistra, nel Trionfo in alto. Si tratta di una sintesi unica di tutti i temi macabri che ritroviamo separati in altri affreschi dello stesso genere sparsi per l'alta Italia e l'Europa: dalla Francia fino in Lettonia, dalla Svizzera fino in Finlandia. Questo affresco pregevole ed importante è visitato da studiosi di tutta Europa e da numerosi turisti. Solo dopo la metà dell'800 gli esperti di storia dell'arte e gli storici cominciarono ad interessarsi agli affreschi dei Disciplini apprezzandoli nella loro qualità e nel loro significato e cercarono di individuare l'autore o gli autori. La critica più recente è propensa ad attribuire le "Storie di Gesù" e gli affreschi macabri a Giacomo Borlone e alla sua bottega. H "Magister ]acobus pentor" dei documenti dell'epoca, è attivo a Clusone dopo il 1460 come attestano i registri della Confraternita dei Disciplini; è un pittore locale ma dotato di grande capacità espressiva e vivacità coloristica. A lui i Disciplini diedero l'incarico di illustrare ai fedeli i temi della vita di Gesù e quelli della Morte e del Giudizio. Nessuno dubita che lo abbia fatto con grande efficacia.

 

Nell'affresco è rappresentata la celebre Danza della Morte il tema più celebre e più diffuso. Si tratta quindi di un ballo anche se la posizione delle figure indica più una processione che si snoda davanti allo spettatore. I personaggi sembrano di condizione sociale inferiore rispetto ai maggiorenti del Trionfo. Dopo la donna vanitosa all'estrema sinistra, è raffigurato un disciplino a rappresentare i committenti dell'opera per il compimento della quale essi diedero istruzioni precise all'affrescatore. Nella Danza non è la morte in generale che è rappresentata ma quella individuale di ogni singola persona. La morte è legata alla vita ed ogni uomo percorre il suo cammino con la sua morte accanto. Chi bene vive, cioè fondato nella giustizia e nell'amore di Dio, guarda la morte senza paura anzi con gioia.

Il tema della Danza dei vivi e dei morti che affonda le sue origini nel substrato culturale popolare medievale, ha avuto numerose raffigurazioni; in alta Italia si citano quelle di Pinzolo e Carisolo in Val Rendena,quelle di Bienne e di Pisogne in Val Camonica non lontano da Clusone. Altre Danze Particolare inferiMacabre le troviamo a Basilea, a Zurigo, a Villisau, a Meslay Le Grenet in Francia, a Lubecca, a Haselbach, a Meitniz in Carinzia, a Hrastiviie in Istria; a Tallin in Estonia, a Inkoo in Finlandia, per citare solo quelle che sono state illustrate in un convegno internazionale di studi sulle Danze Macabre in Europa, tenuto a Clusone nell'agosto 1987 con il concorso di molti studiosi europei.

 

AGRITURISMO: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

ALBERGHI: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

CAMPEGGI: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

CATERING: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

ENOTECHE: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle d'Aosta - Veneto

RISTORANTI: Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Umbria - Valle D'Aosta - Veneto

 

ITALIANODOC (© 2004-2015) - tutti i diritti riservati - Cookie - Privacy - Registrazione

Il sito non costituisce testata giornalistica  -  Partiva IVA: 01543360992